Home » Blog » LA POLEMICA: I DEPISTAGGI SULL’OMICIDIO DI BEPPE ALFANO E IL RUOLO DEL PM DE MAGISTRIS. LETTERA APERTA DELL’AVVOCATO UGO COLONNA AGLI ONOREVOLI SONIA ALFANO E LUIGI DE MAGISTRIS

LA POLEMICA: I DEPISTAGGI SULL’OMICIDIO DI BEPPE ALFANO E IL RUOLO DEL PM DE MAGISTRIS. LETTERA APERTA DELL’AVVOCATO UGO COLONNA AGLI ONOREVOLI SONIA ALFANO E LUIGI DE MAGISTRIS

RICEVIAMO DALL’AVVOCATO UGO COLONNA E PUBBLICHIAMO:

L’AVVOCATO UGO COLONNA

UNA LETTERA CUI IL BLOG DI BEPPE GRILLO NON HA VOLUTO DAR SPAZIO: VI FURONO DEPISTAGGI NELL’OMICIDIO ALFANO? L’ON.LE DE MAGISTRIS E’ UN VERO PALADINO DELLA LIBERTA’ DI STAMPA?

Le trasmetto per la pubblicazione una lettera da me inviata al sito di Beppe Grillo il 22 luglio scorso nella convinzione che su tale blog, con un pubblico dibattito, si potesse fare luce sulle accuse più volte ripetute dall’on.le Sonia Alfano circa l’esistenza di depistaggi, posti in essere da alcuni inquirenti, nell’individuazione del mandante/mandanti dell’omicidio del padre, consumato l’8.1.1993 in Barcellona P.G.. Il neo parlamentare europeo ha posto alla base della sua campagna elettorale tale denuncia antimafia, affermando che un Pm avrebbe inquinato le indagini, tra l’altro anche pilotando le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia, all’epoca assistito dal sottoscritto quale legale.

Il processo è complesso e hanno una divisione formale che sono divisi come per le responsabilità. I dipendenti hanno quindi pochissime possibilità di dare le loro opinioni alla gestione superiore. Hanno molto meno controllo sull’esprimere le loro idee ai loro anziani. Si può comunque provare Idealica che è un ottimo prodotto dimagrante.

L’atmosfera è molto formale nei grandi studi legali. Si dovrà aderire ai loro severi codici di abbigliamento e devono lavorare in una cultura che potrebbe essere altamente conservatrice.

L’obiettivo prefisso, in base alla prospettazione della parlamentare, sarebbe stato quello di favorire consapevolmente alcuni soggetti appartenenti alle istituzioni e mafiosi locali. Secondo la ricostruzione dell’on. Alfano quel Magistrato, volutamente tacendo gli elementi che gli erano noti – il giornalista gli avrebbe riferito, poco prima di essere ucciso, quale era il luogo ove il capomafia Nitto Santapaola era in allora latitante nel barcellonese – avrebbe deviato le indagini dal vero movente, legato alla scoperta del boss catanese latitante, indirizzandole sulla pista falsa, ma meno scomoda, della gestione corrotta di un ente assistenziale barcellonese, l’ “AIAS”, che il giornalista aveva pubblicamente denunciato. Ora: esistono inequivoche, non inquinabili risultanze probatorie, acquisite anche dopo la formulazione dell’imputazione concernente l’omicidio Alfano, che escludono che la causale del crimine sia stata la scoperta da parte del giornalista del luogo della latitanza di Santapaola nel barcellonese – e ciò non foss’altro perché quest’ultimo non era ancora latitante a Barcellona, dove sarebbe giunto soltanto successivamente alla data dell’omicidio; esistono altresì elementi certi che confermano la validità della causale che riconduce alla c.d. pista Aias, originariamente individuata dagli inquirenti, anzi emerge con nettezza processuale chi aveva interesse e determinò l’eliminazione del giornalista, poi materialmente fatta eseguire dai soggetti infine condannati. Poiché l’ on. Alfano è a conoscenza di tali risultanze, ritenevo cha la stessa avrebbe dovuto fornire nel blog dei suoi sostenitori gli elementi, a lei noti, su cui fondava e fonda le sue gravi accuse, nell’ottica della trasparenza che la distingue da altri politici. Nella mia lettera a Grillo parimenti chiedevo, con riferimento all’ on.le Luigi de Magistris, se fosse noto ai suoi sostenitori e ai lettori del blog che l’ex Magistrato, ora paladino della libertà di stampa e dell’indipendenza della magistratura, quando era Pm aveva ottenuto il sequestro di un giornale reggino perchè, tra l’altro, dava notizie di un processo in corso presso altra Autorità giudiziaria ove erano imputati notabili, tra cui magistrati e imprenditori. Non avendo avuto alcun riscontro o interlocuzione di sorta né essendo stata pubblicata la lettera che segue, ad una settimana dall’inoltro La invio a Lei perché permetta il dibattito e la trasparenza, sul presupposto che qualsiasi affermazione su fatti così rilevanti debba basarsi su fatti veri e non su costruzioni verosimili che, spesso, possono essere più pericolose delle falsità.

UGO COLONNA

Messina, 29 luglio 2009

 

 

LA LETTERA A BEPPE GRILLO

Egregio signor Grillo,

mi chiamo Ugo Colonna, sono nato a Messina 49 anni fa e sono un avvocato. Ho sempre pensato e penso che la mafia esista e che sia un problema gravissimo per l’Italia intera e non solo per la Sicilia. Essendo di ciò così intimamente persuaso, negli anni ‘90 ho denunziato mafiosi e collusioni tra quest’ultimi e personaggi della società civile. Spesso le mie denunce hanno portato a condanne, con accertamento giudiziario dei fatti da me esposti. Credo che per colpire i mafiosi ed i loro illeciti interessi non basta diffondere meri proclami verbali, tipici del lessico di molti uomini politici; ritengo invece sia necessario, laddove se ne abbia diretta conoscenza ovviamente, indicare precisi fatti, facendo nomi e cognomi. Se le denunce sono generiche, di facciata o, peggio ancora, se si accusano soggetti che si sanno innocenti certamente non si combatte il fenomeno mafioso. Al contrario, lo si perpetua, pur sostenendo di volerlo combattere. Da sempre ho naturale rispetto per le vittime della mafia e per coloro che contribuiscono con le loro testimonianze a smascherare i mafiosi ed ho piena ammirazione per Magistrati e Forze dell’Ordine che hanno tramutato ciò che è notorio, ai più, in prova a carico di coloro che si sono macchiati di fatti di mafia siano essi omicidi o reati apparentemente meno gravi, determinando la loro responsabilità penale. Ho letto la Sua intervista su il Corriere della Sera del 16.7 u.s., le critiche che Lei esplicita all’ attuale classe politica ed il riferimento all’on. le Sonia Alfano, eletta quale indipendente nel movimento politico dell’on. le Antonio Di Pietro, come esempio di “frutto pulito” di quel movimento realmente democratico, sorto cioè dal basso, del popolo di internet che, finalmente correttamente informato, ha affidato il suo consenso elettorale. Come è noto, l’ultima competizione elettorale ha premiato l’on. le Sonia Alfano e l’on. le Luigi de Magistris proposti dal suo blog quali soggetti di rottura rispetto ai politici del passato e ciò in quanto personaggi di sicura onestà, correttezza, competenza. In particolare, stando ai rispettivi manifesti propagandistici elettorali:

  1. l’ On. le Sonia ALFANO si è distinta per avere denunciato da anni le collusioni di apparati del potere ufficiale, compresi importanti magistrati, con il gruppo mafioso dominante a Barcellona Pozzo di Gotto, collusioni spintesi fino al depistaggio delle indagini sull’omicidio del padre, consumato l’8.1.1993, al fine di favorire i veri mandanti – istituzionali – e la causale effettiva del grave fatto di sangue.
  2. L’ On. le Luigi de MAGISTRIS si è distinto per ficcanti inchieste sul malaffare economico / mafioso calabrese che – messo in crisi a causa di quegli incisivi interventi investigativi – è riuscito dapprima ad espropriare l’ex Pm dei procedimenti assegnatigli e, in seguito, a neutralizzarne l’azione, ottenendone il trasferimento e la rimozione dalle funzioni di Pubblica accusa. Egli è stato proposto quale soggetto che si dichiara contrario a quegli sciagurati disegni di legge legislativi in corso di approvazione che tendono, da un lato, ad imbavagliare l’informazione, dall’altro, a ridurre l’indipendenza della magistratura. Non ho competenza per esprimere valutazioni sull’agire politico dei due onorevoli e, del resto, sarebbe anche prematuro, né mi permetto di giudicare le – sia pur legittime – aspirazioni e ambizioni di costoro al fine di ottenere posizioni di rilievo, obiettivo che è comune ad ogni uomo, politico e no. Sono a conoscenza, invece – in un caso per le mie origini siciliane e per il mio lavoro, nell’altro caso per esservi “ inciampato” mio malgrado – di elementi di fatto che mi portano ad avere un giudizio molto diverso da quello propinato al popolo di internet, che in assoluta buona fede ha appoggiato i due neo- onorevoli nella loro ascesa a Strasburgo. In altre parole, mi sento di poter affermare – proprio sulla base di tali mie conoscenze – che i due neo eletti non siano del tutto meritevoli della fiducia di quella parte onesta dell’elettorato che li ha votati ritenendoli, assolutamente diversi da quei politici che Lei, signor Grillo, critica e giustamente attacca.

Fuor di metafora ed in termini concisi:

– l’ on. Alfano sostiene pubblicamente l’esistenza di un depistaggio nell’inchiesta sui mandanti e la causale dell’omicidio del padre, giornalista Beppe Alfano che a suo dire avrebbe perso la vita perché avrebbe scoperto, ed inopinatamente confidato ad un PM infedele, la latitanza del boss Nitto Santapaola a Barcellona P.G.. Non conosco i motivi di tale suo agire, tuttavia la sig.ra Sonia Alfano sa bene, per averne in parte avuto conoscenza diretta e in altra parte per conoscenza di atti processuali inequivoci, che la ragione dell’omicidio NON PUO’ essere ricondotta alla latitanza del capomafia catanese. Ciò in quanto è documentalmente provato, come si può dimostrare in ogni sede, anche propriamente giudiziaria, che fino all’omicidio Alfano, Nitto Santapaola non era rifugiato nella zona di Barcellona P.G., bensì in quella di Catania. Bisognerebbe chiedersi, allora, quali sono le ragioni che spingono l’on.le Alfano, utilizzando in modo parziale o decontestualizzando dati processuali, a presentare una realtà diversa da quanto chiaramente emerge processualmente e se vi sia taluno che ne strumentalizzi la figura per propri scopi.

– l’on. de Magistris – lungi dall’immagine accreditata di Magistrato scomodo per il potere corrotto – da Pm catanzarese ha interferito in processi che altra autorità giudiziaria (Catania) da anni stava svolgendo, a carico di soggetti e magistrati poi condannati per mafia, indagando chi nell’altra sede aveva denunziato, con ipotesi accusatorie così inconsistenti e velleitarie che in breve hanno condotto a totale archiviazione, proscioglimenti e assoluzioni. Non ha esitato, sempre nello stesso procedimento, a mettere il bavaglio alla stampa che del processo catanese dava notizia, ottenendo anche – fatto per quanto mi consta unico in Italia – il sequestro di un giornale e richiedendo la custodia in carcere per chi dava pubblicità con interviste o facendo pubblicare i verbali delle pubbliche udienze, anche su quel giornale, del processo presso il Tribunale di Catania a carico di notabili, tutti poi condannati. E’ anche facile documentare che su tali poco edificanti vicende l’ex PM ha ricevuto “speciali impunità”. Con quale coerenza e credibilità oggi, da parlamentare, Luigi de Magistris parla di libertà di informazione e di indipendenza della magistratura? Certo, come lei dice, abbiamo un Ministro dell’Interno condannato per lesioni ad un agente della Polizia di Stato, ma non potrà non convenire che, coerentemente, affidare l’interlocuzione sui temi della libertà di stampa o sull’indipendenza della magistratura al dottor de Magistris è come affidare l’ospedale Bambin Gesù di Roma o il Gaslini di Genova ad Erode! Anche altri soggetti, che operano nel settore della giustizia o gente comune, certamente sono a conoscenza di queste condotte, poco compatibili con l’immagine di “volti nuovi e puliti” che è stata attribuita mediaticamente all’on. Alfano ed all’on. de Magistris. Costoro che sanno, tuttavia, scelgono di stare in silenzio forse perché pensano che sia inutile o peggio rischioso esporsi, criticando chi è supportato da così ampio e incondizionato consenso, unificato sotto il vessillo della lotta alla mafia. Io, all’opposto, ritengo che non sia giusto tacere e sia doveroso denunziare, anche se poco o forse nulla cambierà. Le chiedo di pubblicare la presente lettera e se ritiene posso fornire per la pubblicazione nel suo blog, onde sottoporli al giudizio dei suoi lettori, dati più precisi sulla scorta dei quali comprendere analiticamente le mie precedenti affermazioni, estremamente sintetiche. Sono certo che il suo blog non si sottrarrà dalla diffusione di dati e notizie che riguardano la correttezza e la lealtà dei parlamentari eletti, in modo da accrescere l’informazione dei suoi lettori. Solo in esito alla conoscenza di dati oggettivi, evitando proclami, slogan o offese personali, ognuno potrà formarsi una corretta opinione. In attesa le invio cordiali saluti.