Home » Blog » MOSTRO DI FIRENZE: CONDANNATO A UN ANNO E SEI MESI IL POLIZIOTTO-SCRITTORE MESSINESE MICHELE GIUTTARI AD UN ANNO E SEI MESI. CONDANNATO ANCHE IL PM MIGNINI

MOSTRO DI FIRENZE: CONDANNATO A UN ANNO E SEI MESI IL POLIZIOTTO-SCRITTORE MESSINESE MICHELE GIUTTARI AD UN ANNO E SEI MESI. CONDANNATO ANCHE IL PM MIGNINI

MILANO – I pm di Perugia Giuliano Mignini e il poliziotto-scrittore Michele Giuttari sono stati condannati dal tribunale di Firenze rispettivamente a un anno e quattro mesi e un anno e sei mesi con l’accusa di abuso d’ufficio in concorso in un’inchiesta collegata alle indagini perugine legate al mostro di Firenze.

Il controllo abusivo influisce sull’individuo al quale è rivolto e influenza un’intera istituzione. Nel caso in cui effetti altri individui, potrebbe probabilmente influenzare opinione generale dei rappresentanti dell’organizzazione in cui sono impiegati. Questo influenzerà a sua volta la produttività dell’azienda. Può inoltre comportare preoccupazioni per la salute che ti fanno affidamento su antidolorifici come Artroser.

Mignini è stato il magistrato titolare a Perugia dell’inchiesta sull’omicidio di Meredith Kercher: la vicenda della studentessa inglese non ha comunque niente a che fare con il processo che si è chiuso ora. Michele Giuttari è stato a capo del Gides (gruppo investigativo delitti seriali) che ha condotto con le procure fiorentina e perugina le indagini sul mostro di Firenze. L’abuso d’ufficio per il quale sono stati condannati riguarda una serie di indagini svolte su giornalisti e funzionari delle forze dell’ordine per, secondo l’accusa, condizionare le loro attività riguardo l’inchiesta perugina sulla morte del medico Francesco Narducci che sarebbe collegata alle vicende del mostro di Firenze.

LE INDAGINI – Il pm fiorentino titolare delle indagini, Luca Turco, aveva chiesto condanne a 10 mesi per Mignini e a due anni e mezzo per Giuttari. Secondo la procura di Firenze, Giuttari e Mignini avrebbero svolto indagini illecite – con intercettazioni o con l’apertura di fascicoli – su alcuni funzionari di polizia (come l’ex questore di Firenze Giuseppe De Donno e l’ex direttore dell’ufficio relazione esterne Roberto Sgalla) e giornalisti (come Vincenzo Tessandori, Gennaro De Stefano e Roberto Fiasconaro) con intento punitivo o per condizionarli nel loro lavoro, perché avrebbero tenuto atteggiamenti critici riguardo il comportamento di Giuttari con la stampa o riguardo l’inchiesta sulla morte del medico perugino Francesco Narducci. Mignini e Giuttari sono stati invece assolti «perché il fatto non sussiste» dall’accusa di abuso di ufficio (e Mignini anche di favoreggiamento nei confronti di Giuttari), relativa ad accertamenti ‘paralleli’ a quelli della procura di Genova, che stava indagando Giuttari per falso, in merito a una sua registrazione di un colloquio fra lui e il pm fiorentino Paolo Canessa. All’epoca Giuttari era a capo del Gides, mentre Canessa coordinava la parte toscana dell’inchiesta sul mostro di Firenze.

LA REAZIONE – «Sono sconcertato» commenta il pm perugino Mignini. A chi gli chiedeva se la sentenza possa gettare un’ombra sul lavoro svolto sul caso Meredith, Mignini ha risposto ricordando che a Perugia «ci sono stati giudici che hanno giudicato sul caso Meredith. La sentenza di oggi, invece, riguarda me». Il difensore di Mignini, Mauro Ronco, spiega che «Giuttari e Mignini sono stati assolti dalla parte principale del processo e, di fatto, questo smentisce tutto l’impianto accusatorio». A chi gli chiedeva se l’interdizione dai pubblici uffici – come pena accessoria – possa avere effetti sulla professione di Mignini, Ronco ha ricordato che «ovviamente, la pena è sospesa per la condizionale e questo vale anche per l’interdizione».