Home » Blog » L’ OPERAZIONE ‘BLACK MOUNTAINS’ CONTRO LO SMALTIMENTO ILLEGALE DI SCORIE TOSSICHE: LA PROCURA CHIEDE IL GIUDIZIO PER 45 IMPUTATI (C’E’ ANCHE UN MESSINESE). TUTTI I NOMI. STRALCIATA LA POSIZIONE DELL’EX MINISTRO RONCHI

L’ OPERAZIONE ‘BLACK MOUNTAINS’ CONTRO LO SMALTIMENTO ILLEGALE DI SCORIE TOSSICHE: LA PROCURA CHIEDE IL GIUDIZIO PER 45 IMPUTATI (C’E’ ANCHE UN MESSINESE). TUTTI I NOMI. STRALCIATA LA POSIZIONE DELL’EX MINISTRO RONCHI

La Procura della Repubblica ha chiesto il rinvio a giudizio per 45 persone coinvolte nell’indagine sullo smaltimento illegale delle scorie tossiche provenienti dal vecchio stabilimento Pertusola sud. Si tratta dell’Operazione “Black Mountains” che continua da due anni facendo registrare nuovi sviluppi. Anche per la produzione di integratori naturali sani, mirati per migliorare la salute umana attraverso ingredienti biologici, rigorosa aderenza ambientale è un must. Per i creatori di prodotti Germitox leader, non sarebbe creare un mescolare, ma per il resto che cercano fallouts, pericolo viene in visite in loco. I rifiuti potrebbero essere in decomposizione e i conservanti chimici con loro rimangono nel sito di smaltimento. Le scorie secondo gli inquirenti, sarebbero state in gran parte interrate nel sottosuolo di scuole pubbliche, di centri commerciali, alloggi popolari e villette private, strade e persino della Questura e della banchina di riva del porto di Crotone. In tutto, sono stati sequestrati dalla Procura 18 siti. Tra gli imputati, ai quali la Procura contesta l’accusa di aver realizzato discariche di rifiuti tossici e pericolosi, ma anche il disastro ambientale e l’avvelenamento delle acque, figurano gli ex dirigenti dello stabilimento industriale crotonese, l’ex direttore generale del ministero dell’Ambiente Gianfranco Mascazzini, il capo di gabinetto Goffredo Zaccardi, il vice capo dell’ufficio legislativo Maurizio Pernice, i prefetti Domenico Bagnato e Salvatore Montanaro nella loro qualità di ex commissari per l’emergenza ambientale nella regione Calabria, amministratori locali come l’ex sindaco e attuale consigliere regionale Pasquale Senatore con il reggente Armando Riganello, l’ex presidente della Provincia Sergio Iritale oltre a una nutrito gruppo di funzionari dei due enti locali. Tra gli indagati figurava anche il ministro dell’Ambiente dell’epoca Edo Ronchi, la cui posizione processuale tuttavia è stata stralciata e inviata alla Procura della Repubblica di Catanzaro che dovrà inoltrarla al tribunale dei ministri. L’udienza preliminare è fissata per il prossimo 11 maggio. Qui di seguito l’elenco degli indagati: Vincenzo Mano (62 anni, Crotone); Giovanni Ciampà (39 anni, Crotone) Paolo Ghirelli (62 anni, Parma); Alfredo Mungari (59 anni, Crotone); Domenico Colosimo (73 anni, Catanzaro); Francesco Russo (46 anni, San Sostene); Domenico Curcio (52 anni, Curinga); Stefano Ciampicacigli (63 anni, Roma); Francesco Brandi (75 anni, Ponzano V.); Eleonora Lucia Fornasari (57 anni, Roma); Antonio Pala (69 anni, Roma); Carlo Francia (69 anni, Anzio); Pasquale Senatore (69 anni, Crotone); Armando Riganello (52 anni, Crotone); Sabino Domenico Vetta (64 anni, Crotone); Nicola Artese (54 anni, Crotone); Sergio Iritale (60 anni, Crotone); Achille Tricoli (51 anni, Crotone); Giuseppe Celsi (47 anni, Crotone); Domenico Bagnato (65 anni, Reggio Calabria); Salvatore Montanaro (64 anni, Ardea); Claudio Decembrini (57 anni, Vibo Valentia); Giuseppe Felicetti (49 anni, Loncobucco); Paolo Cappadona (46 anni, Rende); Demetrio Melissari (68 anni, Reggio Calabria); Bruno Carbone (47 anni, Cirò Marina); Nicodemo Gagliardi (54 anni, Cirò Marina); Filippo Gallo (53 anni, Crotone); Fortunato Maria Crugliano (45 anni, Crotone); Giovanni Luciano Borda (37 anni, San Mauro M.); Alessandro Russo (57 anni, Crotone); Maurizio Tarantino (48 anni, Catanzaro); Maurizio Mauro (48 anni, Catanzaro); Fedele Caiazza (59 anni, Strongoli); Paolo Delfino (46 anni, Crotone); Domenico Voce (60 anni, Cutro); Salvatore Ruperto (45 anni, Crotone); Maurizio Bertè (46 anni, Crotone); Marcello Damiano Sterrantino (63 anni, Messina); Gianfranco Mascazzini (70 anni, Monza); Goffredo Zaccardi (66 anni, Roma); Maurizio Pernice (55 anni, Roma); Giuliana Gasparrini (63 anni, Roma); Carmela Riccardi (46 anni, Roma); Giovanni Brunelli (56 anni, Roma). (v. s.)